Subverse! #BastaVideogiochi - Day 14

Subverse! #BastaVideogiochi - Day 14

Dopo due settimane, il primo sgarro

Per le puntate precedenti:

Bene, per colpa dello Studio Fow c'è stato il mio primo sgarro, che mi è stato utile proprio per quanto ho trovato deludente Subverse (qui la mia breve recensione su Steam).

Ci ho giocato meno di due ore, annoiandomi per circa il 95% del tempo visto che l'aspetto erotico (marchio di fabbrica dei bravissimi animatori dello Studio) è praticamente "glorified gifs".

Morale

Qui abbiamo un mediocre gioco sconcio che potenzialmente poteva essere una bella serie sporcacciona, tra l'altro prodotta con ogni probabilità in meno tempo.

Strano a dirsi, mi sono ritrovato a pensare a cyberpunk2077 e ho chiesto un rimborso delle 25 carte.

Sì ma è un accesso anticipato

Non credo sia questo il problema, ma proprio la concezione del gioco a monte:

Una visual novel hentai come San Shimai resta memorabile dopo quasi trent'anni perché dietro c'era una trama ben costruita, un titolo a caso della Illusion Soft invece concentrava tutto l'aspetto del gameplay sul lato erotico senza sessioni di altro tipo fatte "tanto per"

"Tanto per" e visual novel

In effetti forse ho sempre apprezzato le visual novel (videogiochi parecchio atipici) proprio perché prive di combattimenti ripetitivi e "dovuti" senza dietro particolari strategie o necessità di farming.

La dieta continua

Farò sicuramente qualche sgarro qua e la perché come dicevo nel primo post di quest'avventura non credo negli estremismi, ma per ora si prosegue


This post is available for webmentions via the IndieWeb and webmention.io.