Final Fantasy VII Remake è un fallimento di lusso

Attenzione: possibili spoiler, evitate di leggere se volete evitarveli

Partiamo dalle cose buone.

Avalanche, Midgar e nostalgia

Sul piano artistico il remake è proprio bello, personalmente ho vissuto meno l'impatto perché quella verginità lì l'ho persa con Advent Children.

Ma in generale, rivedere la cura con cui tante cose sono state ricreate è commovente ed emozionante.

Allo stesso modo, l'arco narrativo dell'Avalanche è molto carino e ho trovato bello dare più spazio a Jessie, Wedge e Biggs (personaggi che come sappiamo nell'originale Final Fantasy VII sono poco più che comparse), così come diversi dialoghi con Tifa e praticamente tutte le parti con Aeris.

Roba nuova che s'inserisce bene nella trama originale senza snaturarla, forse ogni tanto col sapore della fan fiction messa lì ma comunque coerente col tutto.

Il finale del Nomura più pazzo del mondo

Il finale della prima parte di questo Remake mostra le carte in tavola e tira le somme coi Dissennatori, il concetto stesso dietro il termine "Remake" (che va visto anche come una sorta di "Riscritto") e in generale va a toccare universi paralleli, realtà alternative, what if? e tutta quella roba narrativamente molto pericolosa che fa tanto Kingdom Hearts (con l'importante differenza che KH con questo spirito un po' c'è nato).

Capisco le ragioni dietro il finale intendiamoci, e sinceramente non so se si sarebbe potuto fare qualcosa di meglio:

Come ho sempre ribadito, non avrebbe avuto senso raccontarmi una storia che conosco a memoria pretendendo di ricerare suspance e catalizzare l'interesse dopo la fine di quella che resta meramente una "Prima Parte".

Il guaio è che, se uno la storia originale non la conosce, di tutta sta roba metanarrativa non può capirci molto poiché non ha ovviamente mai attraversato il binario da dove ora stiamo deviando.

Viceversa, chi su quel binario ci ha viaggiato più e più volte, può prendere questa deviazione come una deragliata bella e buona.

I due difetti principali

Ma volendo lasciare perdere Dissennatori, cambiamenti e cose che in fin dei conti potremo valutare solo a remake terminato, per me i veri problemi di Final Fantasy VII Remake sono due:

  1. Ritmo lentissimo

  2. Sephiroth Spamming

Final Fantasy VII Remake infarcisce di spiegoni non richiesti, dinamiche da giochi open world e dialoghi (talvolta pure belli, come detto) che spezzano irrimediabilmente il ritmo e la suspance a cui l'originale era devoto:

Visitare Midgar e cercare gattini con Tifa può essere qualcosa di simpatico e carino, ma quando lo fai in mezzo a due attentati che originariamente avvenivano uno dietro l'altro è n'altro paio di maniche.

È bello vedere che Aeris interagisca con Marlene...ma ecco, magari non quando il fottuto Settore 7 sta per essere spappolato dalla pizzona.

Grossomodo, mi trovo più o meno sulla stessa lunghezza d'onda dell'ottimo dunkview.

Per le puntate precedenti: